EU Rik & Mon's
Nature.Guide

Verga d'oro maggiore

Solidago gigantea
Asteracee (Asteraceae)


(si applicano tutti i crediti e i diritti della fonte Wikipedia)

La verga d'oro maggiore (nome scientifico Solidago gigantea Aiton, 1789) è una specie di pianta angiosperma dicotiledone della famiglia delle Asteraceae (sottofamiglia Asteroideae, tribù Astereae (North American lineage) e sottotribù Solidagininae).

Etimologia

L'etimologia del nome generico (Solidago) è controversa, ma in ogni caso fa riferimento alle proprietà medicamentose di varie specie di questo genere, e potrebbe derivare dal latino solido il cui significato è “consolidare, rinforzare” e quindi anche “guarire del tutto”. L'epiteto specifico (gigantea) deriva dal latino "giganteus" (= di dimensioni o proporzioni straordinarie).

Il nome scientifico accettato (Solidago gigantea) è stato proposto dal botanico britannico William Aiton (1731 – 1793) nella pubblicazione del 1789 Hortus Kewensis, un catalogo delle specie coltivate nel Royal Botanic Gardens di Kew.

Descrizione

Portamento. La specie di questa voce ha un habitus di tipo erbaceo perenne. La forma biologica prevalente è emicriptofita scaposa (H scap), ossia sono piante erbacee perenni con gemme svernanti al livello del suolo e protette dalla lettiera o dalla neve e dotate di un asse fiorale più o meno eretto. Possono trovarsi isolate ma facilmente formano gruppi compatti. Ogni pianta produce da 1 a 20 gambi.

Radici.Le radici sono secondarie da rizoma.

Fusto. Altezza media: 5 - 25 dm.

  • Parte ipogea: la parte sotterranea del fusto consiste in un rizoma orizzontale e strisciante.
  • Parte epigea: la parte aerea del fusto è eretta, glabra e con l'infiorescenza terminale; è lievemente rossastra.

Foglie. Non sono presenti foglie radicali. La disposizione delle foglie lungo il fusto è alterna. Sono sottili (a forma lanceolato-lineare) con apice acuto e con margini fittamente dentellati e con alcune nervature (tre) in rilievo nella parte inferiore. Entrambe le facce sono glabre; lievemente vellutate sulla faccia inferiore specialmente lungo le nervature. Le foglie inferiori facilmente appassiscono alla prima fioritura. Dimensione delle foglie: larghezza 1 – 5 cm; lunghezza 8 – 15 cm.

Infiorescenza. Le sinflorescenze sono composte da racemi unilaterali formati ognuno da numerosi capolini (fino a 60), eretti e disposti su rami arcuati e più o meno corimbosi. Le infiorescenze vere e proprie sono composte da un capolino terminale peduncolato di tipo radiato. Alla base dell'infiorescenza possono essere presenti delle bratteole lanceolate. I capolini sono formati da un involucro, con forme da cilindriche a campanulate o turbinate, composto da diverse brattee, al cui interno un ricettacolo fa da base ai fiori di due tipi: fiori del raggio e fiori del disco. Le brattee, con forme oblunghe o campanulate-ristrette, diseguali fra di loro, a consistenza fogliacea, con margini scariosi, con superficie glabra, pelosa o ghiandolosa, sono disposte in modo più o meno embricato e scalato su 3 - 4 serie. Il ricettacolo è nudo ossia senza pagliette a protezione della base dei fiori; la forma è convessa. Dimensione dei capolini: 3 – 6 mm. Lunghezza dell'involucro: 4 mm. Lunghezza del peduncolo: 1,5 – 3 mm.

Fiori. I fiori sono tetra-ciclici (formati cioè da 4 verticilli: calice – corolla – androceo – gineceo) e pentameri (calice e corolla formati da 5 elementi). Si distinguono in:

  • fiori del raggio (esterni): sono da 8 a 15 per capolino, sono femminili e disposti su una serie; la forma è ligulata (zigomorfa);
  • fiori del disco (centrali): sono da 7 a 12 con forme brevemente tubulose (attinomorfe); sono ermafroditi;
  • dimensioni delle ligule dei fiori femminili: larghezza 0,2 – 0,4 mm; lunghezza 1 – 3 mm; lunghezza della corolla dei fiori interni tubulosi: 3 – 3,5 mm; con lobi terminali di 0,6 – 1 mm.
  • Formula fiorale:
*/x K {\displaystyle \infty } , [C (5), A (5)], G 2 (infero), achenio
  • Calice: i sepali del calice sono ridotti ad una coroncina di squame.
  • Corolla:
    • fiori del raggio: la forma della corolla alla base è più o meno tubulosa-imbutiforme, mentre all'apice è ligulata (la ligula molto allargata e patente verso l'esterno); questi fiori sono di ¼ più lunghi dei fiori centrali tubulosi; i colori delle corolle sono gialli;
    • fiori del disco: la forma è tubulare bruscamente divaricata in 5 lobi; i lobi, patenti o eretti, hanno una forma più o meno lanceolata; il colore è giallo o giallastro.
  • Androceo: l'androceo è formato da 5 stami sorretti da filamenti generalmente liberi; gli stami sono connati e formano un manicotto circondante lo stilo; le teche (produttrici del polline) alla base sono troncate e sono lievemente auricolate (molto raramente sono speronate o hanno una coda); le appendici apicali delle antere hanno delle forme piatte e lanceolate; il tessuto endoteciale (rivestimento interno dell'antera) è quasi sempre polarizzato (con due superfici distinte: una verso l'esterno e una verso l'interno). Il polline è sferico con un diametro medio di circa 25 micron; è tricolporato (con tre aperture sia di tipo a fessura che tipo isodiametrica o poro) ed è echinato (con punte sporgenti).
  • Gineceo: l'ovario è infero uniloculare formato da 2 carpelli. Lo stilo (il recettore del polline) è profondamente bifido (con due stigmi divergenti) e con le linee stigmatiche marginali separate. I due bracci dello stilo hanno una forma più o meno lanceolata, acuta o ottusa e possono essere papillosi o ricoperti da ciuffi di peli.
  • Antesi: da luglio a settembre.

Frutti. I frutti sono degli acheni con pappo;

  • achenio: gli acheni, con forme affusolate e cilindriche, a volte alquanto compresse, con le estremità assottigliate e superficie glabra o strigosa, hanno 5 - 10 nervature longitudinali; dimensione degli acheni 1,3 – 1,5 mm;
  • pappo: il pappo è formato da una serie di 25 - 45 setole barbate persistenti (raramente le serie sono due); dimensione del pappo: 2 – 2,5 mm.

Biologia

Impollinazione: tramite insetti (impollinazione entomogama tramite farfalle diurne e notturne).
Riproduzione: la fecondazione avviene fondamentalmente tramite l'impollinazione dei fiori.
Dispersione: i semi cadono a terra e vengono dispersi soprattutto da insetti come formiche (disseminazione mirmecoria). Un altro tipo di dispersione è zoocoria: gli uncini delle brattee dell'involucro (se presenti) si agganciano ai peli degli animali di passaggio che portano così i semi anche su lunghe distanze. Inoltre per merito del pappo il vento può trasportare i semi anche per alcuni chilometri (disseminazione anemocora).

Distribuzione e habitat

Geoelemento: il tipo corologico (area di origine) è Nordamericano meridionale / Circumboreale (ossia importata dal Nord America e quindi naturalizzata).

Distribuzione: in Italia si trova al nord e al centro, ma comunque è sempre una naturalizzata. Si trova comunemente sull'arco alpino (un po' meno nella zona occidentale) sia nella parte italiana che oltre confine (a parte qualche dipartimento francese più meridionale come Alpes-de-Haute-Provence, Alpes-Maritimes e Drôme). Sugli altri rilievi europei si trova ovunque a parte le Alpi Dinariche e i Monti Balcani. È molto comune nel Nord America (area d'origine).

Habitat: l'habitat tipico di questa pianta sono gli ambienti umidi; ma anche gli ambienti ruderali, i bordi delle strade, le scarpate e i coltivi. Il substrato preferito è sia calcareo che siliceo con pH neutro e medi valori nutrizionali del terreno che deve essere umido.

Distribuzione altitudinale: sui rilievi alpini, in Italia, queste piante si possono trovare fino a 800 m s.l.m.; frequentano quindi i seguenti piani vegetazionali: montano e subalpino (oltre a quello planiziale – a livello del mare).

Fitosociologia

Areale alpino

Dal punto di vista fitosociologico alpino la specie di questa voce appartiene alla seguente comunità vegetale:

Formazione: delle comunità delle macro- e megaforbie terrestri
Classe: Filipendulo-Convolvuletea
Ordine: Convolvuletalia
Alleanza: Convolvulion sepium

Areale italiano

Per l'areale completo italiano la specie di questa voce appartiene alla seguente comunità vegetale:

Macrotipologia: vegetazione erbacea sinantropica, ruderale e megaforbieti
Classe: Filipendulo ulmariae - Convolvuletea sepium Géhu & Géhu-Franck, 1987
Ordine: Calystegietalia sepium Tüxen ex Mucina 1993 nom. mut. propos. Rivas-Martínez, T.E. Díaz, Fernandez-Gonzales, Izco, Loidi, Lousã & Penas, 2002
Alleanza: Calystegion sepium Rivas-Martínez, T.E. Díaz, Fernandez-Gonzales, Izco, Loidi, Lousã & Penas, 2002

Descrizione. L'alleanza Calystegion sepium è relativa alle comunità nitrofile, in ambienti umidi (lungo i corsi d’acqua) ma anche soggetti a periodi di prosciugamento (il tenore salino può essere discreto). La distribuzione di questa alleanza è eurosiberiana e mediterranea; in particolare può essere favorita dal disturbo antropico negli ambienti fluviali o palustri.

Specie presenti nell'associazione: Arundo donax, Arundo micrantha, Epilobium hirsutum, Ballota nigra, Calystegia sepium, Calystegia sylvatica, Aristolochia clematitis, Urtica dioica, Rubus ulmifolius, Rubus caesius, Eupatorium cannabinum, Symphyotrichum lanceolatum, Solidago gigantea, Chenopodium ambrosioides, Alliaria petiolata, Conyza primulifolia, Cynanchum acutum, Ipomoea sagittata, Myosoton aquaticum

Altre alleanze e associazioni per questa specie sono:

  • Alnion incanae.

Sistematica

La famiglia di appartenenza di questa voce (Asteraceae o Compositae, nomen conservandum) probabilmente originaria del Sud America, è la più numerosa del mondo vegetale, comprende oltre 23.000 specie distribuite su 1.535 generi, oppure 22.750 specie e 1.530 generi secondo altre fonti (una delle checklist più aggiornata elenca fino a 1.679 generi). La famiglia attualmente (2021) è divisa in 16 sottofamiglie; la sottofamiglia Asteroideae è una di queste e rappresenta l'evoluzione più recente di tutta la famiglia.

Il genere (essendo abbastanza numeroso) è suddiviso in varie sezioni. La specie di questa voce, tradizionalmente, è inserita (insieme alla specie Solidago canadensis), dal botanico toscano Adriano Fiori, nella sezione UNILATERALES con riferimento alla disposizione e alla dimensione (sono più piccoli) dei capolini lungo i rami dell'infiorescenza.

Filogenesi

La tribù Astereae (una delle 21 tribù della sottofamiglia Asteroideae) comprende circa 40 sottotribù. In base alle ultime ricerche nella tribù sono stati individuati (provvisoriamente) 5 principali lignaggi. Il genere Solidago (insieme alla sottotribù Solidagininae ) è incluso nel lignaggio "North American lineage". La sottotribù attualmente è divisa in 6 gruppi informali. Il genere di questa voce appartiene al "Solidago group".

Recenti studi di tipo filogenetico propongono una suddivisione del genere in quattro sottogeneri e varie sezioni e serie. La specie di questa voce ha la seguente collocazione tassonomica:

  • Solidago subg. Pleiactila Raf (sinflorescenze secondarie coniche, corimbiformi o grappoli ascellari).
    • Solidago sect. Unilaterales D. Don (le foglie inferiore hanno due venature laterali più grandi).
      • Solidago subsect. Serotinae (Rydb.) Semple & J.B. Beck (le rosette basali sono assenti; la pubescenza degli steli varia da glabra a strigosa densamente corta o strigosa-villosa più lunga).

I caratteri distintivi della specie Solidago gigantea sono:

  • il fusto è glabro;
  • l'involucro è lungo 4 mm;
  • i fiori ligulati sono più lunghi di quelli tubulosi;
  • l'altezza massima della pianta è di 5 - 25 dm.

Il numero cromosomico di S. gigantea è: 2n = 18, 36 e 54.

Variabilità

È una specie poliploide (e quindi variabile) con la caratteristica di formare dei gruppi omogenei di poliploidia. In America è diploide, per lo più a est dei monti Appalachi, mentre è tetraploide in tutta l'area orientale delle foreste centrali, ed esaploide nelle praterie . Questo crea non pochi problemi di classificazione e spesso i vari individui sono scambiati con altre specie simili (Solidago lepida e Solidago leavenworthii).
In Italia sono indicate due varietà (non riconosciute da altre checklist):

  • subsp gigantea: presente (ma non con certezza – e comunque sempre naturalizzata) nel Trentino-Alto Adige e Friuli Venezia Giulia.
  • subsp serotina (Kuntze) McNeill: distribuita nelle seguenti regioni: VDA, PIE, LOM, FVG?, EMR, MAR e LAZ.

Sinonimi

Sono elencati alcuni sinonimi per questa entità:

  • Solidago serotina var. dumertorum (Aiton) A.Gray
  • Solidago serotina var. gigantea (Aiton) A.Gray

Specie simili

In Italia allo stato spontaneo si trovano solamente due altre specie di Solidago oltre alla Verga d'oro maggiore. Si distinguono per i seguenti caratteri:

  • Solidago virgaurea L. - Verga d'oro comune: è più bassa, l'infiorescenza è più raccolta e i capolini sono più grandi e in numero minore.
  • Solidago canadensis L. - Verga d'oro del Canada: l'infiorescenza si presenta con dei rami più diritti e le foglie sono meno dentellate.

Usi

Farmacia

I rizomi contengono il polimero glucidico inulina. Secondo la medicina popolare la Verga d'oro maggiore ha le seguenti proprietà medicamentose:

  • astringente (limita la secrezione dei liquidi);
  • catartica (proprietà generiche di purificazione dell'organismo);
  • diuretica (facilita il rilascio dell'urina);
  • febbrifuga (abbassa la temperatura corporea);
  • emostatica (blocca la fuoriuscita del sangue in caso di emorragia).

Cucina

In alcune zone (America del Nord) i rizomi sono considerati commestibili.

il solidago è una pianta mellifera essendo bottinata dalle api, si può ottenere saltuariamente del miele, spesso uniflorale.

Giardinaggio

È una pianta a volte usata nel giardinaggio in quanto la fioritura è più tardiva rispetto ad altre specie; la sua altezza e la sua ricca infiorescenza inoltre decorano vivacemente qualunque ambiente.

Note

Bibliografia

  • Kadereit J.W. & Jeffrey C., The Families and Genera of Vascular Plants, Volume VIII. Asterales., Berlin, Heidelberg, 2007.
  • V.A. Funk, A. Susanna, T.F. Steussy & R.J. Bayer, Systematics, Evolution, and Biogeography of Compositae, Vienna, International Association for Plant Taxonomy (IAPT), 2009.
  • Judd S.W. et al, Botanica Sistematica - Un approccio filogenetico, Padova, Piccin Nuova Libraria, 2007, ISBN 978-88-299-1824-9.
  • Strasburger E, Trattato di Botanica. Volume secondo, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, ISBN 88-7287-344-4.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia., Bologna, Edagricole, 1982, ISBN 88-506-2449-2.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Seconda edizione., Bologna, Edagricole, 2018.
  • Alfonso Susanna et al., The classification of the Compositae: A tribute to Vicki Ann Funk (1947–2019, in Taxon, vol. 69, n. 4, 2020, pp. 807-814.
  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta., Milano, Federico Motta Editore., 1960.
  • Jennifer R. Mandel, Rebecca B. Dikow, Carolina M. Siniscalchi, Ramhari Thapa, Linda E. Watson and Vicki A. Funk, A fully resolved backbone phylogeny reveals numerous dispersals and explosive diversifications throughout the history of Asteraceae, in PNAS, vol. 116, n. 28, 2019, pp. 14083-14088.
  • Caifei Zhang, Chien-Hsun Huang, Mian Liu, Yi Hu, Jose L. Panero, Federico Luebert, Tiangang Gao, Hong Ma, Phylotranscriptomic insights into Asteraceae diversity, polyploidy, and morphological innovation, in JIPB, vol. 63, n. 7, 2021, pp. 1273-1293.
  • 1996 Alfio Musmarra, Dizionario di botanica, Bologna, Edagricole.
  • F.Conti, G. Abbate, A.Alessandrini, C.Blasi, An annotated checklist of the Italian Vascular Flora, Roma, Palombi Editore, 2005, p. 91, ISBN 88-7621-458-5.
  • Guy L. Nesom, Revised subtribal classification of Astereae (Asteraceae) (PDF), in Phytoneuron, vol. 53, 2020, pp. 1-39.
  • J.C. Semple and J.B. Beck, A revised intuitive phylogeny of Solidago (Asteraceae: Astereae) based on a polygenomic phylogeny of diploids., in Phytoneuron, vol. 41, 2023, pp. 1-5.
  • Wolfgang Lippert Dieter Podlech, Fiori, TN Tuttonatura, 1980.

Voci correlate

  • Generi di Asteraceae

Altri progetti

  • Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Solidago gigantea
  • Wikispecies contiene informazioni su Solidago gigantea

Collegamenti esterni

  • Solidago gigantea Royal Botanic Gardens KEW - Database
  • Solidago gigantea Catalogazione floristica - Università di Udine
  • Solidago gigantea eFloras Database
  • Solidago gigantea Flora delle Alpi Marittime Database
  • Solidago gigantea Flora Europaea (Royal Botanic Garden Edinburgh) Database
  • Solidago gigantea Archiviato il 15 luglio 2009 in Internet Archive. GRIN Database
  • Solidago gigantea IPNI Database
  • Solidago gigantea Tropicos Database

Dove?

Famiglia(46)

WWW info


Continu di ricerca
Dimensione Forma Forma Colore che vanno
Dimensione Forma Forma Colore che vanno
0 Specie simili (LA):
Goldenrod
Late guldenroede
Riesen-Goldrute
Solidage géant
Verga d'oro maggiore
Solidago gigantea [L.]
Solidago gigantea [L.]



Impostare ecozone (regione biogeografica)
select a region
© Copyright Nature.Guide The Netherlands 2024 da RikenMon se non diversamente specificato.